Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

rudycardia

Cari Presidenti, Dirigenti, Tecnici e cari Triatleti,

Con molta emozione, ma sereno e convinto della scelta fatta, comunico a tutti che in data 18 ottobre 2018, ho formalizzato al Consiglio regionale FITri e al Presidente Nazionale, le mie dimissioni dalla carica di Presidente del CR Sardegna. Le stesse saranno effettive alla elezione del nuovo Presidente e del nuovo Consiglio. 

Non è mai semplice rassegnare le dimissioni ma, onorato di aver guidato questo Comitato per circa sei anni, ho maturato questa difficile decisione dopo lunghe riflessioni e ragionamenti sul futuro del triathlon regionale anche alla luce dei crescenti impegni personali. 

La costante presenza sul campo dell’intero Consiglio che è sempre stato unito e convinto delle scelte fatte, ha portato alla creazione di robuste fondamenta del movimento regionale con considerevole aumento del numero dei tesserati, la nascita di diverse società, l’avviamento delle squadre giovanili e l’organizzazione di numerosi importanti eventi, il tutto con la crescita costante del livello qualitativo delle figure interessate: atleti, tecnici ed organizzatori.

Sei anni in rappresentanza della FITri con importanti incarichi di vario tipo, mi hanno portato alla consapevolezza che per ottenere risultati importanti, spesso, sia necessario un lungo arco di tempo ma, allo stesso tempo, che per mantenere costante la crescita e i risultati positivi, sia fondamentale evitare la stagnazione delle idee, della rete dei rapporti e dell’impegno.

Così, fermamente sicuro che l’attuale Consiglio sia reattivo e prontissimo a qualunque mutamento, penso sia giunto il momento di un cambiamento alla guida del Comitato per garantire nuovo entusiasmo che porta al necessario nuovo impegno di tutti; per garantire nuove idee che porteranno conseguentemente ad un rinnovato interesse sia dei praticanti che del pubblico; per garantire, infine, una nuova rete di rapporti che pur mantenendo saldamente quelli con le società, organizzatori e atleti, dovrà andare oltre il mondo del triathlon e intrecciarsi stabilmente con gli altri ambienti sportivi, istituzionali e amministrativi locali e nazionali.

Questa, sono convinto sia la giusta strada per mantenere costante la crescita che non necessariamente deve essere numerica ma che deve dare stabilità e certezze a un movimento ancora giovane ma con potenziale enorme.

Augurando buon lavoro al futuro Presidente e al Consiglio che verrà, voglio ricordare tutte le persone che in questi anni, a vario titolo, hanno condiviso con me tale percorso, a partire dagli atleti ai Presidenti delle Associazioni, ai Delegati Provinciali, ai colleghi dei Comitati Regionali e dei Comitati delle altre Federazioni, al Presidente Nazionale FITri e al Presidente del CONI Regionale e voglio ringraziare in modo particolare i miei compagni di viaggio: Antonella Frau, Davide Ecca, Antonello Podda, Andrea Piras, Alberto Gamboni, Sergio Oppo, Roberto Zanda e Francesco Primavera.

Sportivamente

Rudy Cardia